Vuoi regalare per la Befana lo smartphone a tuo figlio piccolo? Ecco alcuni validi motivi per non farlo!

La tecnologia ci offre una facile soluzione all’annoso problema dei regali, soprattutto se i destinatari di tali doni sono ragazzi o bambini, perché da diversi anni a questa parte l’oggetto più ambito e maggiormente commercializzato è lo smartphone.

Utilissimo ma anche dannoso, limitante nei rapporti umani e pericoloso soprattutto per una sana e corretta crescita dei bambini, i quali, purtroppo, ne sono sempre maggiormente attratti.

È allarmante l’utilizzo che i bambini fanno di questi oggetti e anche l’eta in cui iniziano ad usarli è sempre più infantile, parliamo di bambini di un età media di 3 anni, per rimanere ottimisti, visto che anche i bambini di 2 o meno anni lo utilizzano moltissimo, magari usano quello di mamma o papà, o dei nonni, ma comunque passano sempre più tempo accaniti su questi oggetti tecnologici.

Sempre più genitori, per far contenti i propri figli cedono all’acquisto del tanto bramato smartphone, ma forse non si rendono conto dei danni provocati nel bambino dall’utilizzo del telefonino.

Socializzazione e Tecnologia

Il bambino ha bisogno di socializzare, un bisogno essenziale per la sua crescita, necessita di confrontarsi con bimbi come lui, per assorbire sempre più informazioni del mondo che lo circonda, ma il telefonino isola chi lo utilizza e soprattutto i piccoli che entrano in un mondo tutto loro: vengono catturati dalle immagini, e si isolano completamente, non comunicano con i loro coetanei perché troppo persi in questo universo virtuale, fatto di colori. Gli smartphone creano assuefazione e purtroppo condizionano il carattere troppo fragile del bambino che diventa sempre più asociale e di conseguenza impaurito dal mondo esterno, troppo vasto, con confini troppo lontani.

Giochi, Desideri e Tecnologia

La realtà viene completamente rivisitata, non esiste più il desiderio nel bambino, perché ciò che vuole è a portata di mano; quindi non ha più la gioia di ricevere quello che desidera, non esiste più l’attesa, vuole un gioco lo trova su internet, perché anche i giochi non sono più quelli materiali, ma virtuali. Le macchinine non sono più reali, con le ruote che girano e sfrecciano sul pavimento, no ora le macchinine sono quelle da gara, superaccessoriate e super moderne, e le sfide si fanno con gli amici, dietro un altro smartphone e devi vincere per forza, la competizione è solo per vincere, non esiste il divertimento di partecipare, non esiste più il gioco.

Il gioco dei bambini deve invece essere all’aperto, deve esserci la gioia negli occhi di due bambini che si incontrano nel parco e si mostrano con orgoglio la macchinina o la bambola appena ricevuta, dopo averla tanto desiderata.

Fantasia e Tecnologia

La fantasia è morta, il gioco viene prestabilito, ha una storia delle regole già scritte, e al bambino se gli metti in mano un gioco ti renderai conto che dopo qualche minuto, sarà buttato a terra perché è difficile. Richiede troppo impegno inventare una storia, viaggiare con la fantasia e creare un racconto con il nuovo giocattolo o tanto meno con altri bambini e altri giocattoli, questo perché il telefonino la storia te la crea, tu devi solo giocare e il mondo è limitato a quello che ti offre lo schermo.

Vengono tutto omologati alle stesse idee, piacciono a tutti gli stessi cartoni animati, per i più piccoli, o gli stessi cantanti per i più grandicelli, perché vengono riproposti in continuazione e la mente umana a quell’età è troppo soggiogabile. Ma purtroppo non sono solo psicologici i danni creati al tuo bambino dallo smartphone, la sedentarietà che il telefonino comporta, lo stare seduti o sdraiati sul letto per ore, non aiuta lo sviluppo motorio. Il piccolo invece di correre, svolgere attività fisica.

Sedentarietà e disturbi alimentari

Viaggia a braccetto della sedentarietà l’ incremento dei disturbi alimentari che colpiscono sempre più la fascia in tenera età. I bambini per rimanere attaccati e non lasciare il gioco, mangiano sempre più svogliatamente, troppo o poco e questo purtroppo è un male che dilaga sempre di più.

Ti esorto, quindi, ad abbandonare l’idea di regalare uno smartphone ai tuoi bambini, regala dei fogli, dei colori, dei giocattoli meno tecnologici, farai un regalo utile soprattutto alla loro salute e alla loro fantasia.

È un sacrosanto diritto del bambino essere bambino, e se al ristorante è troppo vivace non smorzate la loro vitalità con lo smartphone, ma regala dieci minuti delle tue attenzioni, imparerà a calmarsi senza ricevere niente in cambio e ti sarà sempre grato.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *