Mamma, ti presento il mio migliore amico: l’importanza dell’amicizia per lo sviluppo del bambino

Ogni genitore vedrà il proprio bambino instaurare rapporti d’amicizia con i suoi coetanei, durante la sua crescita. Così vedrà suo figlio giocare a casa con il suo amichetto, collaborando insieme alla riuscita di un particolare gioco.

Ma l’amicizia, la capacità di instaurare un rapporto sociale con un’altra persona, s’impara sin dai primi mesi di vita. I genitori possono aiutare a sviluppare quest’abilità nel bambino, cercando di mostrargli interesse, ascoltarlo e comprendendo i suoi bisogni sin dalle prime fasi della sua vita.

In questo modo riuscirai ad aiutare il tuo piccolo a coltivare sane amicizie con i i suoi coetanei.

Perché è importante l’amicizia per i bambini?

Avere amici per un bambino è fondamentale per sviluppare le proprie capacità sociali e imparare prima come affrontare la vita e superare gli ostacoli che verranno. Collaborando insieme, imparando a rispettare l’altro, passando del tempo insieme, il bambino apprenderà dall’amico nuove abilità, formando un proprio carattere e divenendo un “valido individuo sociale“.

Ecco perché, nella maggior parte dei casi, un bambino che ha fratelli più piccoli o più grandi matura prima, rispetto ai bambini cresciuti come figli unici

Migliore amico o tanti amici?

Molto spesso, quando due bambini legano molto tra loro, passando molto tempo insieme, senza riuscire a stringere altre amicizie, i genitori si preoccupano, pensando che il proprio bambino non sia in grado di socializzare.

Prima di dirti se queste preoccupazioni siano fondate, voglio parlarti di un piccolo esperimento che fece tempo fa un preside di una scuola elementare in Gran Bretagna. Il preside invitò i genitori degli alunni di invogliare fortemente i propri piccoli ad avere, invece che un solo migliore amico, più amicizie possibili, anche meno impegnative.

Nonostante l’impegno dei genitori, ogni bambino non riuscì a evitare di stringere un rapporto stretto e significativo con un coetaneo in particolare.

In realtà l’abitudine innata di stringersi a un migliore amico sin dai primi anni di vita, è un istinto sano che nasce dall’esigenza di sicurezza fuori dal confortevole focolare domestico. Avere molti amici può essere importante, ma è fondamentale avere quel migliore amico, con il quale confrontarsi, crescere e migliorarsi a vicenda.

Quindi, se tuo figlio condivide un profondo legame d’amicizia con solo uno o due compagni di gioco, non preoccuparti, è normale. D’altronde, la maggior parte delle persone adulte ricorda di aver conosciuto il suo migliore amico, proprio durante i primi anni scolastici.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *