Caccia alle uova di Pasqua: divertiti insieme a tuo figlio!

Ogni festa o ricorrenza rappresenta un’occasione speciale nella quale poter staccare un po’ dal lavoro e trascorrere un po’ di tempo insieme alla nostra famiglia e, soprattutto, insieme al nostro bambino. Se durante i normali periodi dell’anno, puoi incolpare il lavoro per le tante ore fuori casa, nelle feste non puoi.

Pasqua si avvicina: è giunto il momento di divertirti insieme a tuo figlio!

Come? Beh ovviamente grazie alla celebre “Caccia alle uova di Pasqua“!

Il gioco consiste in una prima fase nella quale occorrerà nascondere le tante uova al cioccolato nei nascondigli più disparati all’interno delle mura domestiche. Fatto questo, sarà compito di tuo figlio trovarle.

Puoi decidere anche se aiutarlo con il classico supporto vocale “Acqua, acqua… fuoco, fuoco“, dove quando dici “Acqua” intendi far capire a tuo figlio che è ancora lontano dal nascondiglio, mentre con “Fuoco“, tuo figlio comprenderà di essere molto vicino alla meta.

I benefici motori della Caccia alle uova di Pasqua

Come ribadito già più volte in questo blog, ogni bambino inizia a conoscere il mondo circostante, attraverso il gioco. Giocando egli esplora, conosce e comprende; non solo l’ambiente esterno ma anche se stesso. Completando azioni di gioco, che per noi possono essere scontate e normali, il piccolo acquisisce e perfeziona tante diverse abilità che gli saranno necessarie per il suo sviluppo motorio e cognitivo.

La Caccia alle uova di Pasqua può essere un’occasione unica e divertente per far sviluppare tutte le diverse abilità motorie al bambino, basta semplicemente organizzare bene il gioco.

Crea nascondigli adatti

Innanzitutto, quando nascondi le uova, cerca nascondigli particolari e adatti allo sviluppo di particolari abilità. Ovviamente cerca di scegliere sempre nascondigli non troppo facili, ma neanche impossibili: è opportuno che tuo figlio riesca a trovare l’uovo impegnandosi al massimo, ma senza arrivare al punto di perdere la speranza o annoiarsi. Non riuscire a completare il gioco potrebbe avere effetti negativi sulla sicurezza e stima si sé

Puoi però anche complicare leggermente il gioco per incentivare lo sviluppo motorio. Ad esempio se nascondi un uovo di cioccolato sotto al letto, prova a piazzare piccoli ostacoli tra la porta della stanza e la meta del nascondiglio. In questo modo il piccolo sarà costretto a utilizzare tutta la propria abilità di orientamento e equilibrio per giungere al tanto desiderato cioccolato.

Questi sono solo alcuni spunti per aiutarti a comprendere che si possono fare molte cose per aiutare lo sviluppo del proprio figlio: la cosa importante è trovare il giusto tempo da dedicare al piccolo, mettendo da parte, anche solo ogni tanto, le altre questioni personali

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *